• L’adozione non definita

    Adoziione non definita
    Read the rest...

    Read more
    0 comments
  • Luigi Boscolo, perdiamo un grande maestro del pensiero sistemico e della terapia familiare.

    Luigi Boscolo lunedì 12  gennaio 2015 ci ha lasciato. Addolorati perdiamo un grande maestro del pensiero sistemico e della terapia familiare.

    Al primo impatto appariva pacato, saggio, formale ma ben presto ti rendevi conto dello spessore della persona,  lo sentivi vicino emotivamente,  in modo  non eclatante, quasi privato. Ci ritorna in mente il suo sorriso sotto i baffi, saggio e un po’ canzonatorio, caldo, intrigante proprio perché da decifrare. Come scordare la sua passione per la clinica, per le situazioni complicate oltre che complesse, lo sguardo ammirato per le soluzioni che gli utenti trovavano, l’orgoglio nel raccontare gli esiti di un intervento. Ciascuno di noi due ha ricordi molto personali sia delle terapie fatte con Lui che di serate passate a raccontare aneddoti e storie di vita, una dopo l’altra senza interruzione, accompagnate dal suo sguardo accettante, da  buon cibo e da un vinello verace.

    Ci ha fatto scoprire le emozioni, l’uso del linguaggio, delle metafore, delle parole chiave. Ci … Read the rest...

    Read More

  • La psicopatologia in ottica sistemica

    La psicopatologia in ottica sistemica[1]

    Marco Bianciardi e Umberta Telfener

     

    1. Presupposti teorici: la rivoluzione cibernetica

         Ogni modello è un insieme di concetti teorici e di ipotesi che trovano una propria coerenza attorno ad una metafora fondante. Il modello rappresenta per il clinico uno strumento indispensabile per organizzare i propri dati, e quindi descrivere e spiegare quanto accade nell’incontro con i pazienti. Si tratta di una cornice all’interno della quale lo psicoterapeuta inquadra,  legge e decodifica  sia ciò che i pazienti portano, dicono e fanno, sia le proprie emozioni e le proprie idee;  ogni modello propone pertanto degli assunti espliciti ed impliciti circa 1- la causa e le basi della psicopatologia, 2- la collocazione di questa nel paziente, nelle relazioni o nel contesto, 3- le categorie attraverso le quali i problemi possono venir diagnosticati, 4- le strategie per intervenire sulla psicopatologia. Si tratta, anche, di un sistema di riferimento categoriale che permette di operare scelte cliniche (di setting, di … Read the rest...

    Read More

  • SUL CONCETTO DI CURA E SU QUELLO CHE FACCIAMO IN PSICOTERAPIA

    SUL CONCETTO DI CURA E SU QUELLO
    CHE FACCIAMO IN PSICOTERAPIA

    THE CONCEPT OF CURE AND WHAT
    WE THINK WE DO IN PSYCHOTHERAPY

    Umberta Telfener, insegna alla Scuola di specializzazione in psicologia della salute dell’Università La Sapienza di Roma, è didatta del Centro milanese di terapia della famiglia.

    Sommario: medicina e ambito “psi” propongono epistemologie, atteggiamenti e prassi diverse. Rifacendosi a von Foerster, queste differenze vengono evidenziate nell’articolo. Dal momento che il concetto di cura è identificato con l’ambito medico l’autrice suggerisce di non utilizzarlo nella psicoterapia. Non sceglie un altro termine ma evidenzia una prassi e ne parla estesamente. Summary: the medical and psychic domain are different. They assume dissimilar epistemologies, references, praxis and attitudes. These singularities are evidenced in the writing, giving words to Heinz von Foerster’ epistemology. Since the term “cure” is identified with the medical practice, the author suggests not to utilize it in psychotherapy. She doesn’t choose another term, she evidences a … Read the rest...

    Read More

The premises of the website

Systemics Voices and paths within complexity

Umberta Telfener, Luca Casadio

Introduction

Ludwig Wittgenstein observed in his Philosophical Investigations (1953, no. 18) that language “can be seen as an ancient city: a maze of little streets and squares, of old and new houses, and of houses with additions from various periods; and this surrounded by a multitude of new boroughs with straight, regular streets and uniform houses.” In our view, this analogy also captures the evolution of the various forms of knowledge (collective, individual, family, cultural, aesthetic, religious, etc.) and scientific knowledge in particular, with its “constructions”, interaction with other styles, and landscape. Read More