• Book Review of SISTEMICA

    Read more
    0 comments
  • Conocer los contextos. Estrategias para integrarse en nuevos ámbitos de trabajo, Cortina Editore, Milano.

    El mundo ha cambiado. Los jóvenes profesionales de hoy tienen que haber hecho un buen training , se les exige que sean atentos y lúcidos al momento de organizarse a ellos mismos y a su trabajo. Tienen que conocer bien los límites y las posibilidades de lo que pueden ofrecer y de lo que pueden esperar. Esto no sólo requiere un gran conocimiento de las propias capacidades sino que también de los contextos laborales en los que trabajarán. Los jóvenes profesionales tiene que definir bien su propio rol y su propia posición, trabajando respetuosamente en alianza [partnership] con los colegas, clientes y encargados de las diversas agencias, de los diversos servicios con los que entrarán en contacto. Para que esta empresa sea exitosa no pueden basarse en la improvisación sino que tienen la necesidad de adquirir habilidades reflexivas específicas. .
    Este libro ofrece un marco conceptual y un conocimiento pragmático/operativo para entrar en un nuevo trabajo/contexto/setting laboral, adquiriendo la capacidad … Read the rest...

    Read More

  • La psicoterapia come pratica recursiva

     

    Mancava un libro trasversale sulla psicoterapia, un libro che non prospetti un ‘nuovo’ modello ma che suggerisca una lettura del processo in termini riflessivi, posizione utile se non necessaria in ogni modello. Proponiamo quindi questo libro che suggerisce come la psicoterapia si caratterizzi come pratica riflessiva, e ciò indipendentemente  dai singoli approcci. Rilegge la pratica clinica utilizzando concetti di second’ordine: la meta-cognizione, la consapevolezza della propria ignoranza, l’intuito; ma anche la diagnosi della diagnosi, il prendersi cura del processo di cura e la responsabilità di una co-responsabilità. Concetti che possono rendere lo psicoterapeuta più consapevole, flessibile, umile, rispettoso, responsabile e utile a chi si affida a lei/lui. Perché nel processo di cura il terapeuta – a qualunque indirizzo teorico aderisca e qualsiasi tecnica utilizzi – deve esercitare l’arte di scegliere e riconnettere tra loro elementi pregnanti per il rapporto di aiuto.

    Analizziamo la specificità della pratica psicoterapeutica ed evidenziamo come il clinico partecipi attivamente a intessere la narrazione su … Read the rest...

    Read More

  • Mastering Contexts, strategies to work at one’s best in new settings (Cortina Editore, Milano 2011)

    Rational for this book:

    The world has changed. Young professionals nowadays need to be well trained, highly focused, and they have to be clear about how to organize themselves and their work. They need to know limits and scope of what they can offer and what to expect. This requires not only a greater awareness of one’s own abilities, but also of the work contexts one joins. Young professionals have to find and establish their own roles and positions, working respectfully in partnership with employers, clients and different agencies. For this to be successful, they cannot rely on improvisation, but need to acquire specific reflective skills.
    This book offers pragmatic know-how as well as a conceptual framework for entering a new work setting, for being able to integrate whilst at the same time finding appropriate space for initiatives and building one’s own professional career.

    Mastering/learning contexts is a Batesonian construct (1979) (“Learning life context has to be discussed as the … Read the rest...

    Read More

  • Apprendere i contesti Strategie per inserirsi in nuovi ambiti di lavoro Cortina Editore, Milano 2011

    Nel mondo di oggi i giovani incontrano serie difficoltà a venir assunti, i lavori sono a progetto e a tempo determinato, passano attraverso le cooperative e sono strettamente legati ai risultati raggiunti; gli operatori sociosanitari devono pertanto essere particolarmente preparati, devono sapere cosa proporre, come muoversi, cosa aspettarsi e cosa offrire. Tutto questo è possibile solo se si ha piena consapevolezza della pratica operativa, dato che nel lavoro in ambito “psi”, più che in altri, si utilizza se stessi e le proprie mappe per muoversi. E’ importante riflettere sugli scenari in cui la professionalità potrà spendersi, sulla danza che in questi contesti si potrà mettere in atto, sulle operazioni da proporre e diventa fondamentale non improvvisare ma operare sulla base di obiettivi precisi e ben definiti.
    Non è facile entrare in un contesto; è sempre comunque necessario guadagnarsi la propria posizione all’interno di un gruppo di lavoro, confrontandosi con colleghi che da tempo condividono un punto di vista ed una … Read the rest...

    Read More

  • La manutenzione dell’amore. Castelvecchi Editore, pp. 249

    A seguito de “Gli amori briciola” (Magi Edizioni, 2013) l’autrice riprende il tema dell’amore attraverso un libro dall’architettura molto originale il cui titolo, ancora una volta, esplica il messaggio che vuole condividere con i lettori. Il richiamo all’opera di Robert M. Pirsig “ Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” del 1974, in cui lo scrittore descrive un viaggio “reale-surreale” con il figlio Chris, in motocicletta, lungo gli Stati uniti, rivela un denominatore comune: entrambi utilizzano il viaggio come metafora di una ricerca di significati, di paesaggi interiori, di nuove possibili prospettive su temi che riguardano il Sé e la relazione con l’Altro.

    La prima parte del libro è un excursus sull’evoluzione storico-culturale dei legami affettivi a partire dagli “amori patriarcali”, fino ad arrivare agli “amori ipermoderni”. La singolarità dell’autrice è di proporre per ogni tematica, rimandi ad altre opere letterarie e cinematografiche o a storie che affronta nella sua attività di psicoterapeuta. Questi suggerimenti offrono la sensazione di … Read the rest...

    Read More

  • La manutenzione dell' amore

    Il titolo dell’ultimo libro della psicologa Umberta Telfner, La manutenzione dell’amore (Castelvecchi editore) sembrerebbe in antitesi coi tempi che corrono. C’è poco da manutenere quando otto milioni di italiani sono single e proliferano relazioni mordi e fuggi e separazioni. Ma, recita l’epigrafe di Emanuele Trevi: «Non c’è scampo – una vita senza amore, fatalmente, si trasforma in qualcosa di così vizzo e polveroso (…) che non vale nemmeno la pena di parlarne». Prima dunque di arrivare all’arte di non far appassire le relazioni, la Telfener ha dovuto sviscerare una sfilza d’altre questioni. Per cui, le sue pagine risultano consigliabili anche a chi, per l’appunto, non ha (ancora) storie da manutenere.

    1. Provarci

    Oggi furoreggiano “amori-briciola”, neologismo coniato dalla Telfener per le storie in cui all’altro si dà pochissimo. Siamo agli amori “ipermoderni”, sviscerati al culmine di una carrellata storica sui vari tipi d’amore. «Viviamo un eccesso di difesa», spiega la psicoterapeuta, «abbiamo paura di mostrare le nostre emozioni, di sembrare deboli, … Read the rest...

    Read More

  • Apprendere i contesti. Strategie per inserirsi in nuovi ambiti di lavoro, Raffaello Cortina Editore, Milano 2011, pp. 343, € 28

     

    “Sto scrivendo… per operatori “giovani” che entrano per la prima volta in un contesto nuovo e non solo desidero passare ciò che ho appreso nel tempo e di cui sono fermamente convinta, ma credo anche che le giovani leve possano proporre pratiche nuove e riesumarne alcune già sperimentate e abbandonate…”. E’ con questa esplicita dichiarazione di intenti, che Umberta Telfener riassume il senso e il fine di questo libro che la restituisce, dopo le escursioni nel mondo dei legami amorosi (Ho sposato un narciso, Le forme dell’addio), alla riflessione sulle pratiche sistemiche. Il punto di vista da cui questa volta osserva il mondo dell’intervento sistemico è quello della spendibilità della formazione, della possibilità di rendere vivo e concreto quanto appreso nei contesti di apprendimento istituzionali. Per raggiungere tale obiettivo assume il punto di vista dei giovani psicologi, sempre più alle prese con l’etica e le prassi di una professione che si è modificata nel tempo seguendo … Read the rest...

    Read More

The premises of the website

Systemics Voices and paths within complexity

Umberta Telfener, Luca Casadio

Introduction

Ludwig Wittgenstein observed in his Philosophical Investigations (1953, no. 18) that language “can be seen as an ancient city: a maze of little streets and squares, of old and new houses, and of houses with additions from various periods; and this surrounded by a multitude of new boroughs with straight, regular streets and uniform houses.” In our view, this analogy also captures the evolution of the various forms of knowledge (collective, individual, family, cultural, aesthetic, religious, etc.) and scientific knowledge in particular, with its “constructions”, interaction with other styles, and landscape. Read More