Changing teaching paradigm (video)

Share it... Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on Twitter
Continue reading...

I am working with Ayahuasca myself since two years, this is a good video on the subject

Share it... Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on Twitter
Continue reading...

The Sound of Surprise, on Order, Disorder, Creativity, and Trust by Alfonso Montuori

History is not something ‘back there,’ something we browse through occasionally for purposes of erudition and arcane knowledge of bygone eras: history is in our flesh and bones–and in our minds. Darwin’s great revolution was to show us that we are our history (Bocchi & Ceruti, 2002). The great revolution of complexity and chaos shows us that history is not determined, that it is the contingent co-creation of individuals and their environments. It also shows us that every little thing matters a lot more than we thought…
At least since the Greeks (Parmenides, Plato, and Aristotle), human beings have had a fascination with order. But order also implies its opposite, namely disorder. When the Greeks came to worship order, they also banished disorder: logos and dike (justice) replaced chaos and hubris (transgression of the order and the arrogance that made one do so). Order and disorder became separate and disjointed in a relationship of either/or (Morin, 2008; Toulmin, 1992). Order was eternal and transcendent, and disorder and chaos were terrestrial impurities in a failed embodiment of the divine ‘word’. For the Greeks, order was not something we humans created, but a reflection of the true and the good and the real.
Categories sprang up to describe this eternal order and before long these categories became the order itself. ‘In the beginning was the Word’. They were true, not made by humans – and therefore not subject to the vagaries of human imperfection. Order and disorder found their counterparts in necessity and chance. Categories described the law-like, necessary order of things. All else was random, disorder, chance (Ceruti, 2008). It took a while for the Greek worship of reason to become institutionalized. The Greek avant-garde did not start filtering through into the daily lives of common folks until the Renaissance, when … Continue reading...

A project with the Sinti population (gipsies) in an Italian town (U.T.)

A few years ago I was called into a project  which regarded Sinti, Italian gypsies, as they call themselves.

The socio-sanitary district of the mayor office of a big Italian town had arbitrarily decided to assign some popular homes to the gypsies in order to consequently dismantle  their camp at the periphery of the city. The officers had not done any analysis of their needs nor had met other than superficially with their comity. They expected gratitude and an enthusiastic  response: who doesn’t  desire a home? When the Sinti population had not responded as the social officers expected, a study group was organized, calling for a consultancy. One psychologist, one social worker and the responsible for the social services of the district (psychologist) were called in. I was  declared the supervisor of this consultancy group.

We had received a mandate from the mayor’s office. The request to us was to understand the relationship between the socio-political structures and the Sinti and to understand  why the housing offer had been refused. To eventually propose alternative projects.

Why the offer had failed was very clear to our consultancy group: there had not been on the part of the politicians any interest on what the needs of the interested part were. The needs were not inquired but just assumed, nor was an analysis of the quest negotiated and made explicit, nor an  active participation  on the Sinti’ part elicited. The mayor’ office had not worked with the Sinti but projected on their lives.

We decided to go into the camp and speak with the woman who acted as the responsible. After meeting her privately we asked her to call a camp reunion in order to meet with us and help us understand their desires and options according to their stay in the town. … Continue reading...

Parole chiave (U.T.)

Clinico : dal greco clinike, arte medica, indica una prassi che racchiude i diversi interventi connessi al curare. Colui/colei che cura. In questo testo è da me utilizzato in senso più ampio come colui/colei che riflette/agisce in un contesto dato per proporre interventi coerenti con la prassi sistemica.

Complessità: la parola complexus descrive ciò che è tenuto assieme per formare un unico tessuto. Diventa così la proposta di un’interconnesione tra linguaggi con cui si possono esprimere le dinamiche delle situazioni e degli eventi nei sistemi naturali e sociali senza pretendere una sintesi semplificata ma tollerando la complementarietà dei punti di vista.

Curiosità: l’atteggiamento di chi guarda, di chi continua a vedere e continua a proporre connessioni tra gli eventi, senza accontentarsi di un’occhiata soltanto, senza immaginare che il rapporto di causa-effetto sia negli eventi stessi.

Informazione: misura della novità di un messaggio, ciò che genera potenziale informativo. Un tipo di scambio comunicativo che conduce a una riduzione dei livelli di incertezza in un sistema e a un possibile cambiamento. Bateson l’ha definita “una differenza che crea una differenza”.

Ipotesi: ogni operazione che unisce insieme due o più unità descrittive basandosi sulle informazioni in proprio possesso. Il punto di partenza di ciascuna investigazione.

 Osservazione: la costante operazione di distinzione per definire cosa è figura e cosa è sfondo. L’osservazione non è un fenomeno neutro in quanto non basta osservare, bisogna saper cosa osservare: la teoria precede sempre l’osservazione.

Processi confrontabili: la scelta di aggregare le informazioni che provengono dalla clinica e dalla ricerca sulle diverse situazioni studiate per poter interpretare i dati e fare alcune previsioni. Importante è imparare a ragionare in termini di confronto e collegare tra loro i due sguardi al fine di mettere in piedi un’analisi dialogica.

Recursività: siamo sempre parte … Continue reading...

PENSIERO DEBOLE E POST MODERNISMO, UNA DIATRIBA STERILE (U.T.)

Gli psicologi e gli psichiatri, gli operatori socio-sanitari monitorizzano costantemente la relazione tra l’individuo e il mondo, al fine di risolvere problemi e intervenire nel sociale; si occupano cioé dei problemi collegati alla conoscenza: di sé, degli altri e di ciò che circonda ognuno di noi. Per questo, come psicologa rappresentante del modello sistemico-costruttivista – modello che si riconosce nel pensiero debole – vorrei intervenire nel dibattito su neo-realismo e  post modernismo proposto dal quotidiano La Repubblica alla fine di agosto 2011 e in particolare  l’8, il 19 e il 26 (iniziato l’8 col manifesto di Maurizio Ferraris sul New Realism, il nuovo realismo filosofico a favore della concretezza delal realtà,  seguono gli interventi di Gianni Vattimo, Paolo Legrenzi, Petar Bojanic, allievo di Derrida, Pier Aldo Rovatti, Paolo Flores, Umberto Eco ed altri).

I differenti interventi sembravano pendere per il ritorno al realismo, accusando  il post modernismo 1. di eccedere nell’interpretazione, 2. di non essere in contatto con  due  tradizioni di ricerca molto attuali, l’evoluzionismo e lo studio del cervello, 3. di mancare di un atteggiamento etico.

Rispetto a questo vorrei specificare due questioni: quella legata alla complementarietà tra le  posizioni rispetto al sapere e la questione etica, inevitabilmente  e indissolubilmente connessa alla posizione post moderna. Il rapporto con l’evoluzionismo lo tratterà il collega Maurizio Ceccarelli.

1.   Se vogliamo costruire un campo da tennis o prendere un treno dobbiamo rifarci ad un mondo fatto di misure e dati oggettivi. Se invece riferiamo un giudizio o un evento, la nostra soggettività sarà imperante e la narrazione sarà strettamente influenzata dal contesto, dalle relazioni in cui siamo coinvolti, dalle interpretazioni soggettive, dalle premesse (spesso tacite) che organizzano noi stessi e la cultura che ci incarna. Queste posizioni rispetto al mondo e al sapere, rispetto alla conoscenza, questi atteggiamenti, e le vie intermedie … Continue reading...

An interview to Heinz von Foerster (U.T.)

HEINZ VON FOERSTER, was born in Vienna in 1911, graduated in Physics from the Institute Of Technology at the University of Vienna. In 1949 he moved to the United States and joined the Department of Electrical Engineering at the University of Illinois at Urbana. During that time he also edited the transcripts of the Cybernetics Conference Program of the J.H.Macy Foundation, an American Foundation for medical research.

In 1958 he founded the Biological Computer Laboratory (BCL) in Urbana, Illinois, a laboratory of international  and interdisciplinary research into the physiology, theory, technology and epistemology of cognitive processes which he ran until 1976.

He was president of the Wenner-Green Foundation for Anthropological Research (1963-65) and of The Society For General System Research (1976-77).

A selection of his many articles called OBSERVING SYSTEMS was edited in an Italian translation by Astrolabio and called I SISTEMI CHE OSSERVANO (edited by M.Ceruti and U.Telfener). Other writings by Von Foerster were CIBERNETICA E EPISTEMOLOGIA: HISTORY AND PERSPECTIVES (edited by G.Bocchi and M.Ceruto) in LA SFIDA DELLA COMPLESSITÀ (Feltrinelli, Milano, 1985), and A CONSTRUCTIVISTIC EPISTEMOLOGY in Cahiers de la Fondation “Archives Jean Piaget” n.2-3, 1982.

L.Segal has published a volume  on von Foerster’s work and thought  called THE DREAM OF REALITY. THE CONSTRUCTIVISM OF H.VON FOERSTER (Norton Press, New York, 1986). Heinz has died in in 2002 in Pescadero where he lived, in California.

 

Heinz, an often quoted phrase of yours says: “The observer who observes his own observation”. It would seem a task for both the epistemologist and the  psychotherapist. What is the parallel between the two?

They are both the same, using different names.  As I observe the therapeutic process I am amazed and mindful of the epistemological work it entails. The effort to explore the modalities that generate, through dialogue, both knowledge and new … Continue reading...

Gregory Bateson, nostro maestro (U.T.)

Parlare di Bateson è una grande responsabilità, si può dire tanto ma si rischia di dire tutto e il contrario di tutto. Mi piacerebbe parlare di Bateson non in senso anestetico, utilizzandolo – come spesso avviene – come una gruccia per le idee più azzardate o per quelle ormai accettate da tutti, quanto citarlo per trasmettere la passione che il suo pensiero ha fatto emergere e ancora produce. Bateson, a mio parere, si è infatti fatto travolgere dal suo carattere sensibile che ha permeato una grande idea processuale poi da lui riproposta in ambiti diversi.

Inizierò raccontando un aneddoto che ben evidenzia la difficoltà iniziale rispetto alle sue idee. Nel 1975 facevo il mio internato negli Stati Uniti, alla Philadelphia Child Guidance Clinic; Bateson spesso veniva a Filadelfia per incontrare il suo amico Jay Haley che lì lavorava. Più di una volta sono stata invitata dai due ad un pasto condiviso: che esperienza frustrante! Gregory Bateson parlava quasi ininterrottamente, con grande enfasi, passando da un argomento all’altro, in una sorta di processo primario, ‘caldo’, ricco di emozioni e sensazioni, intriso della complessità e dell’irriducibilità del vivente. Mentre Jay Haley sembrava apprezzare molto la conversazione, io ne uscivo con la sensazione della mia totale idiozia[1]. Più mi sentivo idiota, più cercavo di controllare il flusso anziché lasciarmi andare alla danza che emergeva dall’incontro. Ho così perso un’occasione di utilizzare Bateson come uno stimolo, cercando invece di comprendere parola per parola il suo discorso. Mi è rimasta comunque la fascinazione del suo personaggio e una reverente curiosità di fronte alle sue idee.

Un altro aneddoto: nella conferenza tenutasi a New York, Beyond the double bind, 20 years after, nel 1978 ero seduta vicino ad una “strana” donna, piccola e risoluta, con un lungo bastone che svettava accanto a lei. Appena … Continue reading...

In memoria di Ernst von Glasersfeld (U.T.)

E’ stato Heinz von Foerster a presentarmi Ernst. Eravamo a St Gallen in Svizzera, era il 1987, ad un convegno con altri epistemologi famosi quali Gordon Pask e Herbert Brun. Quanto Heinz era estroverso, scattante e necessitava di condividere la sua energia con gli altri, tanto Ernst era silenzioso e centrato, attento e introverso. Un uomo elegante, con un italiano fluente e curato e tante storie da raccontare rispetto ai suoi esperimenti con l’apprendimento, il linguaggio, le scimmie e i computer, e ancor prima, i racconti del suo periodo italiano durante la guerra, sul lago di Garda, il suo incontro con Silvio Ceccato, il famoso cibernetico, e la loro affiliazione.

L’episodio che voglio narrare è un particolare che resta nel mio cuore: Ernst mi aveva telefonato che passava per Roma. Lo vado a prendere all’aeroporto e prima di mangiare insieme decidiamo di andare al suo museo preferito, il museo archeologico di Roma, portando con me mio figlio, di allora ventiquattro mesi (circa). Il giro per le stanze, i suoi ricordi connessi alle opere e alla storia etrusca e una sosta nel giardino vicino ad una fontana tonda con alcuni pesci rossi. “Mi dai un po’ di tempo? Esploriamo la conoscenza?” In ginocchio vicino a Nic in passeggino, Ernst inizia le sue esplorazioni piagettiane.

Sperimenta la costruzione mentale dei concetti. Una foglia servirà per saggiare “lo stare a galla” (foglia con sassolino affonda, libera galleggia), e così via. Mi ha parlato dell’intelaiatura di base che i bambini costruiscono e delle strutture mentali per costruire costrutti quali oggetto, spazio, tempo… Reti per costruire una realtà esperienziale coerente, per organizzare una costruzione che non è illimitata ma organizzata sull’intelaiatura precedente. Probabilmente era abituato a fare quello che stava facendo, dato il suo lavoro con Leslie Steffe: una ricerca educativa che mirava a stabilire … Continue reading...

Save the date, Mettete in agenda un incontro interessante

ACKERMAN INSTITUTE – N.Y.,

MENTAL RESEARCH INSTITUTE – PALO ALTO,

MILAN CENTRE of FAMILY THERAPY – MILAN

meet in ITALY for  SYSTEMICS and FUTURE

Milan – April 19th, Pescara – April 21st 2013

How do we envision the future of systemic therapies and practices? Are systemic models of intervention in
clinic, social work, marriage and family therapy still up to current times and evolutions in science and
culture? How to bring to light the still unexpressed part of their potential?
Professionals and scholars from three leader institutes of the historical “systemic revolution” decide to
meet in a workshop and discuss with public the perspectives of systemic thought, practices and views.
Two editions of this workshop will be held in Italy. The first in Milan, on April 19th, the second in Pescara,
with real time streaming connection with 2009 earthquake stricken downtown area of L’Aquila, on April
21st from 10:00 a.m. to 5:30 p.m. . The definitive location will be announced shortly.
FACULTY
Eileen Bobrow MFT, Mental Research Institute
Mary Brewster Ph.D., Ackerman Institute
Dott. Marco Bianciardi, Milan Centre of Family Therapy, Turin branch “Episteme”, Director
Dott. Massimo Schinco, Milan Centre of Family Therapy, Milan, Co – Director – chairperson
Dott. Umberta Telfener (CMTF, Sapienza University – Rome)
Dott. Enrico Cazzaniga (CMTF, Milan) will introduce the clinical discussion on 04/19. Dott. Massimo
Giuliani (CMTF, Milan) on 04/21 and Dott. Gabriela Gaspari (CMTF, Milan) on 04/19 will join the final
round table. Other renowned scholars in the field will soon confirm their participation.
Scientific Direction: Dott. Marco Bianciardi, Dott. Massimo Schinco
Organization, information and contacts: Ms. Antonella Boscolo, Milan Centre of Family Therapy, Via
Leopardi 19 – 20123 Milan, Italy.
segreteria@cmtf.it
+ 39 02 4815350
www.cmtf.it

https://www.facebook.com/milanapproach

Share it... Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on Twitter
Continue reading...